Note e parole contro il bullismo. L’arte che esprime emozioni.

Author

Categories

Share

Spesso è così difficile trovare le parole giuste per esprimere i nostri sentimenti e farci capire, persino dalle persone che ci sono accanto. Talvolta, sembra più semplice farlo attraverso una canzone o un libro. Da sempre l’arte ci viene in soccorso, non solo per tirare fuori le nostre emozioni, dicendo quello che noi lasciamo intrappolato dentro, ma anche per confortarci, facendoci sentire compresi da qualcuno o qualcosa.

Musica contro il bullismo

Certamente, il bullismo è una delle malattie della nostra società che costringe molti di noi a chiudersi in sé stessi. Ecco a voi una serie di canzoni che, in maniera consapevole o no, raccontano quello che può avvenire nella mente delle vittime o i loro desideri più profondi.

  • Somebody to love- Queen. Sentire di non piacere agli altri e non capire il perché non è mai facile. Spesso, questa canzone è stata avvertita come un grido di speranza per trovare qualcuno da amare e da cui essere amati. È per questo che Brian Justin Crum, vittima di bullismo sin da bambino a causa del suo orientamento sessuale, l’ha scelta per le audizioni di America’s Got Talent. La sua performance ha lasciato a bocca aperta tanto il pubblico quanto i giudici e ha garantito a Brian una bella rivincita contro tutti quelli che hanno sempre dubitato di lui.
  • Guerriero- Mengoni. Rispetto alla canzone precedente, qui il riferimento alla tematica del bullismo è più evidente. Infatti, nel video una sorta di supereroe accompagna il bambino tra le difficoltà famigliari, costituendo per lui un’ancora di salvezza. Mengoni ha dichiarato di aver rappresentato con questa canzone ciò che ha sempre desiderato da piccolo: qualcuno vicino a lui che gli mostri quale strada scegliere.
  • Je cours- Kyo. Sin dalle prime parole emerge con forza la tematica e la triste situazione di un bambino/ragazzo immerso nella sua solitudine e, soprattutto, nella paura di quello che il contatto sociale può provocare:
Fammi posto, giusto un po' di posto affinché non mi si cancelli
Non ho molti amici, guardo in classe
Non è il massimo, ho molto spazio sono solo e nessuno a cui dirlo
Non sono tranquillo quando arriva la ricreazione
Non sono tranquillo, bisogna che mi eclissi
In quel momento, accuso il colpo
Al di fuori, bisogna che io corra […]
Non posso più respirare in questo mondo in mezzo a voi
Vorrei fermarmi
Non posso più respirare in questo mondo in mezzo a voi
Bisogna che io corra tutti i giorni
Bisogna che io corra fino alla fine
Per conoscere il mondo e l'amore bisogna che io corra tutti i giorni
Fammi posto
Giusto un po' di posto
Affinché non mi si cancelli[...]
  • Born this way- Lady Gaga. La canzone è stata pensata per coloro che hanno subito violenza a causa del loro orientamento sessuale, ma in realtà in molti possono trovare nelle note di questa canzone un po’ di conforto:
Sono bellissima a modo mio perché Dio non fa errori
Sono sulla strada giusta tesoro
Sono nata così
Non ti nascondere nel rimpianto
Semplicemente ama te stesso e andrà bene
Sono sulla strada giusta tesoro, sono nata così

Letteratura e bullismo

Certamente, anche la letteratura ha dato il suo importante contributo cercando di comprendere cosa si cela dietro questo terribile mondo. Del resto, ci sono tanti modi per addentrarsi nell’argomento e ciascuno di questi libri propone una prospettiva diversa.

  • Tredici – Jay Asher. Il libro ha ispirato la famosa serie Tv prodotta da Netflix. Nonostante le varie critiche, il romanzo e la serie possono essere utili a comprendere il vero volto del bullismo e del cyberbullismo, soprattutto da coloro che non lo hanno provato sulla loro pelle e che non possono comprendere pienamente quanto, non solo le parole, ma anche il silenzio e l’indifferenza possano ferire.
  • Harry Potter– J. K. Rowling. L’intera saga della scrittrice britannica affronta i temi più disparati. Il bullismo emerge sin dal primo libro, dapprima attraverso la figura di Dudley Dursley, capace di tormentare non solo Harry, ma come apparirà chiaro dai libri successivi, anche molti altri ragazzi. Spostandoci nella magica scuola di Hogwarts la situazione non cambia di molto a causa delle angherie che Harry e alcuni suoi compagni, in particolare Neville Paciock, sono costretti a subire da parte di Draco Malfoy. Negli altri libri emerge poi la figura di Luna (Lunatica) Lovegood, lo stesso soprannome o la cattiva abitudine di nasconderle gli oggetti personali ci fanno addentrare nel mondo di questa dolce ragazza, giudicata da tutti strana e per questo motivo spesso molto sola e senza amici, almeno prima della conoscenza di Harry e dei suoi compagni di avventura.
  • Ti prendo e ti porto via – Ammaniti. Il libro è considerato uno dei più belli dell’autore. Pietro, uno dei quattro protagonisti, è il classico ragazzino timido e per questo motivo diventa il bersaglio preferito della banda di giovani capitana da Pierini. I guai del ragazzino avranno inizio proprio quando, per evitare l’ennesima scarica di botte dai pericolosi coetanei, accetterà di accompagnarli per commettere una bravata. Gloria è la seconda protagonista, è molto diversa da Pietro, è bella, ricca e sfrontata, nonostante ciò tra i due nascerà una speciale amicizia.
  • Wonder – R. J. Palacio. August è un ragazzino di undici anni affetto una rarissima malattia genetica che rende il suo volto deforme. Infatti, i molteplici interventi chirurgici non sono riusciti ad annullare i segni sul suo volto, rendendolo un ragazzo fisicamente diverso da tutti gli altri, ma lasciando intatta la sua brillante intelligenza e la sua sensibile personalità. Noi lo incontriamo in un momento importante della sua vita, ovvero quando sta per cominciare la prima media. Forse un po’ tutti noi ricordiamo quell’evento. Comincia una scuola per “grandi” dalla quale non si sa cosa aspettarsi, è un nuovo ambiente che potrebbe essere ostile e per questo ci sentiamo carichi e ci impegniamo per fare una bella figura. Tuttavia, August ha altre preoccupazioni: sarà accettato? Qualcuno vorrà sedersi accanto a lui, parlargli o addirittura qualcuno avrà il coraggio di guardarlo in faccia? Wonder si presenta come un meraviglioso racconto di un bambino che dopo un iniziale momento di rifiuto riesce a trovare il suo posto nel mondo, attraverso un percorso di crescita faticoso, ma anche bello e importante. Tra l’altro, nel 2017, dal libro è stato tratto anche il film omonimo che ha avuto tra i protagonisti anche Julia Roberts.

Libri e musica non ci offrono solo momenti di svago e tranquillità, ma anche l’occasione per riflettere su situazioni lontane da noi ma esistenti, o ancora ci fanno sentire compresi ed esprimono quello che molti di noi celano dentro.

Author

Share